La maggior parte delle persone entra nel matrimonio pieno di ideali di amore reciproco e di rispetto "finché morte non ci separi" e di figli felici, intelligenti e cooperativi. La vita, però, non è così ordinata e organizzata, per cui spesso ci si trova ad affrontare delle sfide, come se si dicesse: "Davvero? Bene, vediamo come si affronta questo?”

Quasi tutti coloro che hanno una relazione a lungo termine o un matrimonio, prima o poi si sentono tentati di porre fine a quella relazione e magari di iniziarne una nuova. Questa è una situazione che spesso è causa di discussioni politiche. Da un lato, le persone che sentono una relazione stabile e a lungo termine come un importante valore di vita, possono percepire la propria (e quella degli altri) decisione giovanile in modo eccessivamente assoluto, e giudicare se stessi o gli altri se non si attengono a una decisione mal informata fino alla fine della loro vita.

Le persone religiose in particolare possono trovarsi in un profondo conflitto tra i loro valori che richiedono la conservazione del matrimonio e la conclusione che sono sposati con una persona incompatibile, che non sono felici e che probabilmente non lo saranno mai. Personalmente, penso che sia quasi folle aspettarsi persone giovani, inesperte, fortemente influenzate dagli ormoni, dalla cultura popolare e dai sogni romantici (per non parlare di transfert), per fare una scelta a cui potersi attenere fino alla fine della loro vita. In ogni altro ambito della vita, gli adulti ragionevoli si aspettano che i giovani commettano errori e imparino da loro; gli errori sono il modo più veloce e più efficiente per imparare. Eppure, spesso ci si aspetta che i giovani scelgano correttamente la persona più importante della loro vita fin dal primo tentativo, o che si aggrappino per sempre a una decisione disinformata e poco ponderata.

 

D'altra parte, è abbastanza comune che le persone pongano fine a relazioni e matrimoni potenzialmente grandi perché non sono pronte a investire sforzi su di loro, o si aspettano che l'altra persona li renda felici senza dare molto in cambio. Inoltre, i bambini sono spesso coinvolti, così come la questione della sicurezza finanziaria (che è meno importante dal punto di vista etico, ma potrebbe essere molto rilevante dal punto di vista pratico).

Per quanto riguarda la compatibilità, in teoria la maggior parte delle persone può essere compatibile, se entrambe mostrano tolleranza, rispetto, responsabilità e una sana comunicazione. In realtà, però, non importa quanto fortemente dichiarino il loro amore, raramente le persone rinunciano ai loro modelli comportamentali, alle reazioni immature, anche alle semplici abitudini. L'amore non è ovviamente sufficiente per sviluppare le capacità di partnership. A queste aspettative irrealistiche, alle emozioni infantili e alla biologia (che è di per sé un'influenza immensamente complessa), si aggiunge il tipo di caos che poche persone riescono a navigare abilmente.

I lettori ben informati potrebbero dire: perché difendere il concetto di matrimonio? Il matrimonio è stato storicamente fondato come un contratto economico che controlla le persone in modo che una famiglia possa aumentare la ricchezza materiale e controllare chi la eredita. Tuttavia, una famiglia stabile rende più facile crescere i figli, e molte persone vogliono creare un rapporto a lungo termine in cui la comprensione, la fiducia e il rispetto crescano con il tempo, piuttosto che superficiali a breve termine. Quando parlo di matrimonio, ho in mente un rapporto a lungo termine di tale qualità, indipendentemente dal fatto che sia "legalizzato" o meno.

Lo scopo di questo articolo non è quello di creare una conclusione definitiva, in quanto Non credo nella semplificazione della vita e nel costringere tutti nella stessa scatola. Tuttavia penso che sia importante affrontare la questione da diversi punti di vista, in modo che alcune persone possano essere aiutate nel loro processo decisionale - o, ancora meglio, nel prevenire le delusioni.

 

 

"L'amore è una decisione, non un'emozione"

 

Amore è una parola particolarmente astratta. Può includere una varietà di sentimenti, alcuni superficiali e basati su ormoni e proiezioni, alcuni basati sul rapporto con i genitori, altri più profondi e realistici. Il concetto se l'amore è spesso contorto e manipolato in molti modi. La maggior parte dei tipi di amore includono un qualche tipo di bisogno o desiderio, una piacevole aspettativa di ricevere qualcosa che mancava nella nostra vita. Un amore di questo tipo di solito si dissolve con il tempo.

Tutta la confusione e la delusione che ciò comporta fa sì che alcune persone adottino un approccio filosofico all'amore, che si basa sull'idea che l'amore è una scelta consapevole, che si riflette nello sforzo e nel comportamento quotidiano. Questa filosofia a volte include l'idea che dovremmo stare con una sola persona, indipendentemente dalle tentazioni e dalle circostanze, dedicare la nostra vita a quel rapporto anche quando siamo infelici e frustrati. L'idea è che l'infelicità e la frustrazione sono probabili in qualsiasi relazioneSe stiamo con una sola persona, abbiamo almeno la possibilità di approfondire e migliorare costantemente quel rapporto, di trovare nuovi livelli di apprendimento e di fiducia, di creare attivamente la felicità piuttosto che cercarla nel mondo che ci circonda.

Tutto questo è bello e vero - in alcune circostanze e per alcune persone. Di solito in circostanze ideali, quando entrambe le persone sono almeno moderatamente compatibili, premurose e ben intenzionate. Se una relazione è fondamentalmente buona, le persone possono sopprimere e rifiutare i desideri superficiali e gli stimoli a favore di valori più importanti che la loro relazione primaria soddisfa. Ma cosa succede se una tale scelta richiede la soppressione di bisogni e valori profondi ed essenziali? E se tutti questi sforzi e investimenti si traducono più e più volte in delusioni? Con il tempo, questo si tradurrà o in depressione, o in amarezza, o in esplosioni occasionali, o in malattie fisiche. A volte la frustrazione accumulata può essere espressa in modi indiretti, ad esempio nei confronti dei bambini.

L'amore potrebbe essere descritto come un sentimento di appagamento, felicità, integrità, o forse come il desiderio che l'altra persona sia felice. Quest'ultima è in realtà una delle definizioni migliori, ma innumerevoli testimonianze che ho sentito dimostrano che non si può davvero rendere un'altra persona felice e sanase non si assumono questa responsabilità nelle proprie mani, e soprattutto se lo si fa a spese della propria integrità e dei propri valori. Ciò significherebbe assumere un ruolo di genitore nei confronti del proprio partner, che danneggia non solo chi dà, ma anche chi riceve. Non si possono imparare le lezioni delle persone al loro posto.

 

Se è stato così facile amare qualcuno solo perché lo abbiamo scelto noi, allora, in teoria, dovremmo essere in grado di essere felici con la maggior parte dei passanti scelti a caso. Anche se ignoriamo la biologia, gli ormoni e le impressioni della prima infanzia (comunque, la maggior parte delle volte combattiamo queste influenze), resta comunque la questione di compatibilitàcompatibilità dell'intelletto, delle emozioni, dei desideri, dei bisogni e dei valori (vedi: Valori e caratteristiche personali). Anche piccole incompatibilità e delusioni possono accumularsi e ribollire all'interno in molti anni; come non aspettarsi un'incompatibilità significativa?

Anche incompatibilità biologica può essere dannoso per una relazione: alcune persone possono essere ansiose e sensibili allo stress mentre altre cercano l'eccitazione e il rischio; alcune persone possono essere molto fisiche mentre altre vivono nella loro mente, alcune persone possono essere emotivamente sensibili e molto empatici, mentre altre possono mancare di uno o di entrambi. La comprensione profonda e la compagnia è molto difficile da raggiungere in queste circostanze. E non abbiamo nemmeno cominciato a parlare di tutti i modelli emotivi e comportamentali che le persone imparano durante l'infanzia.

È vero, le emozioni sono volatili e di breve durata, influenzate dalla biologia e dai ricordi d'infanzia (che sono molto più potenti di quanto la maggior parte delle persone si renda conto). Possiamo scegliere le nostre emozioni? Considerando che le emozioni si creano nel subconscio, direi che non scegliete ciò che sentite; ciò che potete scegliere è come rispondere alle vostre emozioni e a quello che ne farete. Il mio suggerimento è di cercare l'equilibrio, non gli estremi; esplorare ciò che ciascuna delle vostre voci interiori dice e perché, e quale di queste vale la pena di seguire; cosa volete a lungo termine, non solo temporaneamente.

 

Raramente la realtà è così poetica e ispirata come l'idealismo, ma alla fine poche persone riescono a sfuggirle. È raro che si rinunci a uno sforzo così a lungo termine come il matrimonio senza una buona ragione. Sullo sfondo del divorzio ci sono di solito anni di sofferenza e sacrifici che un osservatore esterno non noterebbe.

La bella filosofia che ho descritto all'inizio di questa sezione presuppone maturità, responsabilità e impegno da entrambe le parti. La realtà è spesso diversa, e molte persone sono immature e poco disposte a cooperare e a cambiare. Le nostre scelte e i nostri sforzi non approfondiscono automaticamente un rapporto, ma il senso di appagamento quando il partner lo apprezza e risponde in modo simile. Se una relazione non si approfondisce e non cresce, possiamo ancora chiamarla amore? Se ci si sente ignorati, licenziati, usati o abusati anche dopo anni di sforzi amorevoli e responsabili, è giusto negare loro la felicità per il bene delle teorie?

Inoltre, perché la stabilità dovrebbe essere più importante della compatibilità? Perché una relazione dovrebbe essere "avvelenata" con l'idea che forse non durerà? Perché dovremmo legare qualcuno a noi fino alla fine della nostra vita? Ci sono relazioni che possono crescere fino alla fine della vita di coppia, e c'è chi non può durare così a lungo, ma può essere profondo e appagante per un certo tempo. Perché non finirle con amore e rispetto finché possiamo? La qualità di una relazione non si misura necessariamente in base alla sua durata. Le persone sono diverse e la vita è complessa.

 

Non dovremmo nemmeno ignorare il nostro trucco biologico e psicologico. Più di ogni altra cosa, come ho scritto nell'articolo".Come mantenere viva la passione“, i nostri cervelli sono collegati per smettere di dare importanza a tutto ciò che percepiamo come stabile e attesoper fare spazio all'apprendimento di nuove cose e all'accesso al nostro ambiente per potenziali pericoli. E cos'è il matrimonio se non la promessa che una relazione sarà stabile e attesa, sotto controllo? Anche i migliori tra noi non possono evitare che il nostro cervello semplicemente archivi l'atteso in "bassa priorità", anche se si tratta di un essere umano importante per noi. Questa è semplicemente la nostra biologia che ci ha aiutato a sopravvivere, non importa quanto ciò vada contro i nostri ideali di relazione. 

Quindi, non sarebbe più stimolante per i nostri rapporti a lungo termine se avessimo una cultura che ci insegnasse che nessuno appartiene veramente ad un altro e nessuno deve emozioni ad un altro? Che rispettare la libertà di qualcuno (e la nostra) è più importante che cercare di legarlo? Che la crescita attraverso la sfida è più importante della sicurezza?

Il fatto è che - sempre a causa del nostro patrimonio biologico che ci spinge a conservare l'energia - la stabilità e la felicità raramente motivano le persone a crescere. La maggior parte delle volte sono le crisi e i problemi che motivano le persone a crescere - e il modo in cui cresceranno dipende dalla loro volontà di imparare. Potete saperne di più nell'articolo ".Trasformare il dolore emotivo in passione e ispirazione“. Perché allora non prevenire le crisi permettendo volentieri più sfida e distacco nelle nostre relazioni? Paradossalmente, questo potrebbe renderli più forti. 

 

Tornare all'integrità e ai valori importanti della vita: se i nostri valori e i nostri bisogni essenziali non sono soddisfatti all'interno di una relazione, cosa può rivendicare più importanza? Per alcune persone, i valori religiosi possono avere la priorità sui valori personali. Questo va bene se lo si sceglie, ma non significa che valori diversi siano meno rispettabili. Alcune persone scelgono i loro valori non sulla base della religione, ma di anni di esperienza, di pensiero, di esplorazione e di osservazione delle conseguenze.

 

 

È giusto cercare la felicità personale?


Ecco una citazione interessante:

"Il matrimonio non fa per te. Non ti sposi per farti felice, ti sposi per far felice qualcun altro. Più di questo, il tuo matrimonio non fa per te, ti sposi per una famiglia. Non solo per i suoceri e tutte quelle sciocchezze, ma per i vostri futuri figli. Chi vuoi per aiutarti a crescerli? Chi vuoi per influenzarli? Il matrimonio non fa per te. Non fa per te. Il matrimonio riguarda la persona che hai sposato". (Seth Adam Smith)

Sembra bello, quasi sacro. Eppure, questa è una bella idea spinta all'estremo, e gli estremi non sono MAI salutari, per quanto belli possano sembrare. Molte idee semplificate cadono a pezzi di fronte alla realtà, come, storicamente parlando, sia il comunismo che il cristianesimo, per citare solo questi due, così ben visibili.

Hai mai provato a negare i tuoi sentimenti, i tuoi bisogni e la tua felicità non solo per giorni o settimane, ma per anni e anni? Potreste aver provato quanto sia stressante, energico, che ti fa perdere la vita. Chi crede che le persone "dovrebbero" essere felici sacrificandosi per gli altri e ignorando l'incompiutezza e la mancanza di equilibrio, ovviamente non si è mai nemmeno avvicinato a sperimentarlo (o è estremamente abile nel mentire a se stessi). 

Questa citazione suggerisce ancora che in qualche modo si sarebbe in grado di sperimentare un senso, un appagamento e una sorta di piacere, anche solo nel soddisfare i propri ideali. Ma cosa succede se l'altra persona non è davvero un buon partner per te? E se, nonostante i tuoi sforzi e i tuoi sacrifici, le cose andassero sempre peggio? E se, con il tempo, tu e il tuo partner vi siete semplicemente sviluppati in direzioni diverse? Abbiamo visto molte volte nella storia come tentativi troppo semplici e irrealistici di raggiungere la perfezione si trasformino in una rigida ipocrisia e sofferenza.

Ci sono molte persone che percepiscono gli sforzi e l'idealismo altrui come una debolezza da sfruttarecome negli affari, quindi nelle relazioni. Ci sono ancora più persone che semplicemente non sono un buon partito per te, sia emotivamente, intellettualmente o a livello di valori della vita. Per quanto tempo riesci a tollerarlo? Qual è il senso della vita senza gioia? Per quanto tempo si possono reprimere le proprie emozioni, senza che esse scoppino in altri modi: attraverso la manipolazione, l'aggressività passiva, la depressione o la malattia?

Anche, che tipo di esempio volete dare ai vostri figli? Vorresti che vivessero in modo simile? Preservare il matrimonio a tutti i costi è stato un modo per garantire la sopravvivenza nella storia, rendendo più stabile una società, ma ora la nostra sopravvivenza non è più minacciata (o almeno non nei modi tradizionali). Quando le tradizioni di sopravvivenza diventano dogmi troppo semplificati, causano ipocrisia, violenza sottile e non così sottile e figli infelici. (Un po' più in basso mi concentro un po' di più sulle conseguenze per i bambini).

Mi sembra strano dover difendere il desiderio umano di felicità; possiamo essere umani e trascurare una parte così fondamentale della nostra natura? Eppure, nel corso della storia, la felicità è stata disapprovata a favore della sopravvivenza della comunità, e ancora molte persone preferiscono credenze e ideali estremi e troppo semplificati, piuttosto che la complessità e l'equilibrio.

 

Amore o dovere?

Quindi, in un caso in cui la felicità in una relazione non è realizzabile, lo scopo del matrimonio è la felicità (amore), o il dovere? Credo che ognuno scelga per sé; quello che non mi piace è giudicare le altre persone secondo rigide convinzioni, se non abbiamo sperimentato come ci si sente ad essere loro. La vita è già abbastanza dura; per essere un buon genitore, un buon datore di lavoro/dipendente e simili dobbiamo già sacrificare molto; dobbiamo giudicare le persone che non vogliono rinunciare a ogni possibilità di felicità?

Forse l'errore chiave della nostra società in questo contesto è crescere i figli e i giovani sugli ideali dell'amore e della felicità nel matrimonio, per poi spingerli a rimanere sposati in seguito a causa dell'ideale del dovere. Se le persone rimangono sposate anche se infelici, a causa di ideali di sacrificio e di perseveranza, possiamo veramente chiamarlo amore? Dovere sarebbe una parola molto più appropriata.

Se, quindi, lo scopo del matrimonio è il dovere (il che è vero per alcune comunità e individui), allora ai bambini si dovrebbe insegnare fin dall'inizio che il matrimonio è un contratto sociale stabilito a scopo di dovere, non di amore. Allora i giovani potrebbero essere consapevoli di quale scelta stanno facendo e decidere se è quello che vogliono e se sì, quando. Ma se questo fosse comune, molto meno persone deciderebbero di sposarsi, il che metterebbe in pericolo la tradizione e gli istinti tribali che ancora oggi guidano molti, se non la maggior parte delle persone. Ecco perché Manipolazione di massa è socialmente accettato, persino caro.

Genitori sani e responsabili possono crescere figli felici e sicuri anche se non vivono insieme. Potremmo discutere di ciò che ha conseguenze peggiori per i bambini: il divorzio o la convivenza con genitori infelici, magari litigando, ignorando o umiliandosi continuamente? In entrambi i casi, i bambini devono affrontare il dolore, è inevitabile (e forse anche meglio per loro che essere eccessivamente protetti dalle sfide (vedi: I bambini hanno bisogno di sfide). Molti clienti mi hanno detto che un tempo desideravano che i loro genitori divorziassero piuttosto che stare insieme "per il bene dei bambini" e che litigassero o si ignorassero. Se i genitori possono essere di sostegno e guidare i bambini attraverso il dolore a breve termine, faranno loro un favore molto più grande che con la finzione e il sacrificio della propria felicità (che può anche far sì che i bambini vivano con il peso della colpa).

 

Indipendenza

Molte relazioni diventano malsane perché le persone si aspettano di ricevere felicità e appagamento dall'altra persona, piuttosto che assumersi la responsabilità di crearle da sole. Questo porta alla dipendenza reciproca - alla simbiosi - e spesso anche alla manipolazione.

Il senso del dovere in un matrimonio spesso nasce dall'impressione che l'altra persona sia emotivamente o finanziariamente dipendente da noi. Mentre questo è corretto quando si tratta di bambini, non è salutare per le persone adulte. Tuttavia, spesso i bambini e i giovani sono ancora sottilmente indottrinati dal fatto che, ad esempio, le donne dovrebbero essere finanziariamente dipendenti dagli uomini. Questo è ulteriormente rafforzato dal fatto che la società dà meno valore al lavoro e all'intelligenza femminile rispetto a quella maschile, e dalla mancanza di sostegno sociale ai genitori di bambini piccoli, soprattutto alle madri single.

Inoltre, a molte persone viene insegnato, direttamente o indirettamente, a sentirsi emotivamente dipendenti dalla stabilità del matrimonio. Questo può portare a situazioni in cui il matrimonio è preservato dal dovere, non dalla felicità. Il passo successivo, che alcune persone e comunità fanno, è quello di mettere il dovere al primo posto, mentre i sentimenti personali vengono ignorati (che è un esempio di idealismo che porta allo squilibrio). Queste persone potrebbero davvero voler vivere l'ideale di sostenere gli altri, sacrificandosi per le loro famiglie e valorizzando le famiglie stabili rispetto alle emozioni temporanee. A volte questa è la scelta più matura e ragionevole. Ma lo è sempre?

Direi che un rapporto ideale è quello in cui entrambe le persone si assumono la responsabilità della propria felicità e rispettano il loro partner come un individuo indipendente che non gli deve nulla (perché entrambi investono nella relazione allo stesso modo), piuttosto che percepire il partner come una sorta di proprietà personale. Una persona del genere non si sentirebbe a suo agio a cercare di tenere qualcuno che sarebbe più felice da qualche altra parte. "Ma voi promesso!..." è l'atteggiamento di una vittima, non di un adulto forte. Per quanto riguarda i bambini, gli adulti sani e responsabili sono disposti ad assumersi la responsabilità di un'educazione equilibrata, indipendentemente dal fatto che vivano insieme o meno.

In generale, è importante per ogni relazione che gli individui conservino la loro indipendenza emotiva e materiale, che comunichino in modo chiaro, che abbiano confini ben definiti e che abbiano i propri interessi al di fuori della relazione. Poche cose uccidono la passione più del sentirsi in obbligocioè la sensazione che il partner dipende da te. Poche cose possono aumentare la passione più di un partner indipendente che cambia e cresce, e che rimane con te perché lo sceglie, piuttosto che perché si sente legato. Si può essere un partner di questo tipo? Hai entusiasmo e vivacità che crei in te stesso, piuttosto che cercarla in qualcun altro?

 

Differenze intrinseche nel bisogno di stabilità e nel bisogno di cambiamento

Alcune persone godono di una forte stimolazione, si annoiano facilmente e hanno bisogno di adrenalina. Questo si può vedere anche nelle loro strette relazioni. A volte questo può essere appreso nell'infanzia, ma è abbastanza facilmente possibile che tali tratti siano la conseguenza dell'esperienza umana. diversità biologica. Dal punto di vista evolutivo, l'umanità ha bisogno che una parte della sua popolazione ami il rischio, l'eccitazione e il cambiamento, che spesso è un contributo alla società. Per un diverso tipo di contributo, l'umanità ha bisogno anche di persone che godano di pace, stabilità e persino di routine.

Se siete una persona che ama il rischio e il cambiamento, ma credete nell'ideale di una relazione a lungo termine, potete sentire un conflitto etico ed emotivo particolarmente forte, soprattutto se siete in una relazione con una persona che è emotivamente sana e un partner di qualità. I vostri valori dicono una cosa, ma tutto il vostro corpo tira in un'altra direzione. Potete resistere a questo per anni, o addirittura per tutta la vita?

L'ideale sarebbe che tu riconoscessi la tua natura in tempo, mentre non sei ancora impegnato in un rapporto stabile. Poi si può essere più onesti con se stessi e con gli altri. Forse arriverai alla conclusione che le forme tradizionali di relazione non fanno per te. Questo va bene, se potete spiegarlo in modo chiaro, onesto e tempestivo ai potenziali partner.

Il valore di una relazione non è necessariamente nella sua lunghezza. Alcune persone possono imparare e creare di più attraverso la profondità di relazioni a lungo termine, altre attraverso l'esplorazione e nuove esperienze. Non dobbiamo essere tutti simili. È importante venire a patti con ciò che si vuole ed essere onesti con gli altri fin dall'inizio.

(Inoltre, non illuderli se non hanno lo stesso tipo di relazione che hai tu. Un cliente mi ha detto qualche settimana fa: "Alcuni uomini pensano che se dicono: "Non voglio impegnarmi", questo dà loro la licenza di agire come vogliono". Se non si vuole impegnarsi con qualcuno che lo vuole, è solo etico tirarsi indietro. Fine della storia).

Considerate anche se è possibile portare il cambiamento nella tua vita in altri modi invece di cambiare partner. Forse attraverso l'imprenditorialità, i viaggi, gli hobby attivi e altre forme di nuove attività? Se si trova un partner aperto al cambiamento e all'esplorazione, la relazione non deve per forza diventare una routine. È particolarmente importante che un partner sia emotivamente indipendente - un partner bisognoso che vuole che tu lo faccia sentire al sicuro non rimarrà probabilmente stimolante e stimolante. Quando cercate un partner, tenete presente questo aspetto e il bisogno di onestà.

Forse in questo caso voi e il vostro partner potete decidere di non vivere insieme, magari di vedervi nei fine settimana o semplicemente di vivere separati e di passare del tempo insieme ogni volta che lo desiderate. Se non pianificate dei figli, questo eviterebbe la routine che trovate così intollerabile. Anche in questo caso, questa decisione deve essere presa con rispetto e considerazione per entrambe le parti.

 

Conclusione

Non credo nel costringere le persone e le relazioni in scatole rigide. Credo nella diversità, purché sia onesta, ben intenzionata e premurosa. Quando si deve fare un decisione difficileè importante soprattutto essere onesti con se stessi e con gli altri, e imparare a distinguere i sani impulsi emotivi da quelli non sani e immaturi. Riconoscete anche che poche decisioni sono del tutto prive di conseguenze indesiderate, quindi dovete essere pronti ad affrontarle.

Solo perché potremmo essere in relazioni impegnate, i nostri ormoni e i nostri modelli emotivi infantili non si addormentano. Peggio ancora, una volta che una relazione si sente sicura e affidabile, i nostri ormoni possono farci cercare nuove forme di eccitazione, mentre le parti infantili del nostro subconscio possono facilmente svegliarsi se arriva una nuova persona che ci ricorda i nostri bisogni insoddisfatti dell'infanzia. Allora le emozioni intense possono facilmente portarci a idealizzare la nuova persona e a crederle una corrispondenza migliore del partner attuale, anche se il partner è emotivamente più maturo e investe più impegno nella relazione.

Considerate attentamente fino a che punto le vostre emozioni sembrano essere il risultato di ormoni e speranze infantilie quanto conosci realisticamente la tua nuova cotta. Dai per scontato il tuo attuale partner e hai trascurato i tuoi sforzi? È probabile che lo ripeterai nella tua prossima relazione, e in quella successiva, che potrebbe finire in una serie di delusioni. D'altro canto, è possibile che siate maturati, e che la nuova persona possa realisticamente corrispondere meglio ai vostri valori essenziali e ai vostri sani criteri. Ma siate onesti con voi stessi e ascoltate ogni segnale di avvertimento che potreste sentire.

Se il vostro partenariato impegnato è in crisi, considerate prima di tutto se vi impegnate a fondo, o se vi aspettate di essere a vostro agio senza lavoro? Date amore al vostro partner nel modo in cui vuole riceverlo, o insistete nel farlo solo nei modi che vi piacciono? La vostra comunicazione è onesta e raggiunge una profondità più profonda della superficie, o evitate di aprirvi in modo da apparire più forti e nel giusto?

Se la frustrazione e le delusioni in una relazione sono superficiali e a breve termine, mentre il rispetto e gli sforzi reciproci sono presenti, allora è sicuramente una buona idea rimanere nella relazione e concentrarsi sul suo ulteriore miglioramento. Ma se tutto il tuo corpo continua a dirti che tradisci i tuoi valori rimanendo in una relazione, allora fai attenzione. C'è tempo per investire in una relazione, e c'è tempo per riconoscere i propri limiti.

 

Articoli correlati:

Modelli nei rapporti d'amore

Decisioni difficili

Autostima e relazioni amorose

 

Tutti gli articoli 

Coaching online 

 

 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.