La consapevolezza e la connessione con le nostre emozioni possono portarci molti benefici meravigliosi: la pace interiore, il sostegno e l'amicizia con noi stessi, la ricchezza della vita interiore, l'autostima, la resistenza allo stress, la creatività, la comprensione di noi stessi e degli altri, la calma e il comportamento adulto e l'espressione di sé... Ma ancora, molti, se non la maggior parte delle persone cercano di evitare le proprie emozioni come il proverbiale diavolo evita l'incenso, nonostante il fatto che provoca loro ogni sorta di problemi nella vita. Perché?

Naturalmente, alcune emozioni sono spiacevoli. Ma le emozioni spiacevoli di solito diventano molto più miti, e in parte possono anche trasformarsi in piacevoli, una volta che smettiamo di combatterle, quando prestiamo loro attenzione e le riconosciamo. Inoltre, quando impariamo a riconoscere quando le nostre emozioni rispondono al passato, non al presente, possiamo avvicinarci ad esse in modo più rilassato e razionale, e risolverle più facilmente. Quindi, più siamo consapevoli delle nostre emozioni, meno controllo hanno su di noi.

FD Roosevelt una volta disse: "l'unica cosa che dobbiamo temere è la paura stessa". Ma anche la paura non è da temere, e soprattutto non la paura delle proprie emozioni. Dobbiamo riconoscerla, capire da dove viene, se è realistica o meno, e poi agire in accordo con ciò che scopriamo. Ecco alcuni dei motivi più comuni per cui le persone evitano il proprio mondo interiore:

 

    • abitudini d'infanzia e cattivi modelli. Sia che i genitori ci abbiano mostrato come evitare le emozioni con il loro esempio, sia che messo a tacere, punito o messo in imbarazzo per esprimere le emozioni, spesso abbiamo l'impressione, da bambini, che le emozioni siano qualcosa che è meglio nascondere, sopprimere, non avere - in altre parole, che le emozioni siano qualcosa pericoloso . Più ci si abitua ad evitare le emozioni, più caotico è il caos, sconosciuto e imprevedibile ci sembreranno - ed è nella natura umana temere l'ignoto. Cosa i genitori hanno paura diil bambino avrà soprattutto paura. Così, evitare le emozioni è spesso una sindrome "ereditaria".

 

    • paura di scoprire qualcosa di brutto di te stesso. In parte, questo è il risultato della paura dell'ignoto, perché l'ignoto di solito ci sembra peggiore, più spaventoso, più imprevedibile del familiare. In parte, è il risultato delle critiche e delle punizioni dei genitori, come descritto sopra, che potrebbero averci fatto credere che le nostre emozioni sono cattive e che qualcosa dentro di noi è brutto e inaccettabile. La sensazione di essere cattivi, di essere sbagliati nella nostra essenza, è quella da cui più cerchiamo di evitare e contro cui ci difendiamo.  
      Eppure, di norma, non siamo psicopatici e le nostre emozioni, se riconosciute e accettate, di solito si rivelano avere intenzioni positiveAnche se non abbiamo avuto molte possibilità di imparare ad esprimerle in modo costruttivo. Sopprimerli e ignorarli fin dall'infanzia è ciò che più spesso li rende distruttivi. La rabbia e la sfida dei bambini sono alla base di una ricerca positiva della libertà e dell'espressione della propria identità, mentre la tristezza può essere definita "amore contrastato". Se la rabbia viene punita e la tristezza viene messa in ridicolo, non possono essere elaborate e liberate, ma rimangono intrappolate in noi, e, potremmo dire, "infestate". Tali emozioni possono essere mascherate nel tempo dall'arroganza, dalla distruzione, dal disprezzo, dall'odio e simili. È facile per una persona benintenzionata sperimentare tali emozioni in se stessa come cattive e inaccettabili. Ma se ci permettiamo di esaminarle più a fondo, di norma, scopriamo le buone intenzioni originali o i bisogni naturali.

 

    • paura di perdere il controllo e di essere sopraffattisia internamente, nella propria mente, sia nel comportamento esterno. Questo è essenzialmente il timore di diventare deboli, come i bambini. Le emozioni dei bambini possono essere molto intense, e se i genitori non ci aiutano a imparare ad affrontarle (ma cercano di sopprimerle, come descritto sopra), possiamo inconsciamente sentire che reagiscono da bambiniSe le emozioni vengono a galla, si è sopraffatti e si perde il senso della realtà. Realisticamente, come adulti, abbiamo di solito una prospettiva abbastanza buona, l'esperienza, la mente razionale e la capacità di distaccarci, in modo da poter affrontare le nostre emozioni, soprattutto se le esploriamo e ci abituiamo ad esse in un ambiente tranquillo e sicuro. Ma alcuni di noi potrebbero non esserne ancora consapevoli.

 

    • paura dell'emergere di ricordi spiacevoli. Alcuni dei nostri primi traumi sono il risultato di esagerazioni e incomprensioni infantili, mentre altri possono essere il risultato di abusi, negligenza e immaturità dei genitori. In ogni caso, possiamo temere di portarli alla coscienza. Questo è comprensibile, ma spesso basta cambiare il proprio atteggiamento nei confronti delle emozioni per renderle molto meno spaventose e scomode. Se si adotta l'opinione che ricordare un trauma non è la stessa cosa del trauma stesso, che i sentimenti non sono così intensi e spaventosi se visti con un ritardo temporale, e che i sentimenti intensi non sono di per sé pericolosi o travolgenti, allora non si deve avere paura di affrontare i ricordi traumatici. (Nota: qui sto parlando di persone sane. Se avete un disturbo mentale diagnosticato, o sospettate di averne uno, cercate un professionista che vi aiuti a gestire i sentimenti forti).

 

    • la paura di prendere coscienza dei nostri grandi errori e fallimenti. Le emozioni ci rendono consapevoli di ciò che vogliamo veramente, di ciò che ci fa male, di quali sono i nostri valori fondamentali. Riconoscere che per molti anni abbiamo ignorato o agito contro questi desideri e valori, può portare a sentirci forti. delusione con noi stessi e autocritica, soprattutto se la nostra autostima e la nostra autocompassione sono già basse. Rimpiangere le occasioni mancate o gli errori del passato è una sensazione difficile perché è qualcosa che non possiamo più cambiare (a differenza delle emozioni infantili). Tuttavia, è meglio riconoscerlo e riorientare la propria vita prima che sia troppo tardi, e più tardi che mai. È possibile utilizzare il rimpianto come motivazione per sfruttare al meglio il resto della tua vita. Lungo il percorso, avete anche l'opportunità di praticare compassione per te stesso, perdonare te stesso e un dialogo interno positivo.

 

  • paura del cambiamento. Ogni emozione è un impulso all'azione e, una volta separate le emozioni adulte da quelle infantili, scelte e opportunità che siamo abituati a ignorare e sopprimere possono sorgere davanti a noi. Ogni cambiamento ci fa affrontare l'ignoto, quindi la paura dell'ignoto è automaticamente presente. Se si tratta di una scelta che la nostra famiglia ha sabotato, può verificarsi anche la paura di una punizione.
    Forse la nostra famiglia ci ha anche insegnato che non dobbiamo fare erroriche gli errori sono imperdonabili e inaccettabili, e che l'unico modo per essere accettabili è rimanere entro i confini del conosciuto e della cassaforte. Il nuovo e l'ignoto significa sempre commettere errori, soprattutto all'inizio. Poi dobbiamo imparare per cambiare il nostro atteggiamento nei confronti degli errori..., comprenderli come parte dell'apprendimento e sostenerci mentre commettiamo degli errori. (Vedi: Come superare la paura di commettere errori.)

 

Riconoscere e assumersi la responsabilità dei nostri sentimenti porta più pace e armonia non solo a noi stessi, ma anche al nostro ambiente, specialmente ai bambini e alle altre persone vicine. Se riconosciamo quando altre persone e situazioni stanno solo scatenando emozioni del nostro passato, ma non sono la loro causa, siamo molto meno propensi a reagire in modo sconsiderato, immaturo e a prendercela con le persone che ci circondano. Possiamo anche sviluppare più forza interiore e sostegno interno per sforzi più significativi di quelli a cui siamo abituati.

Quindi, entrate con coraggio nella foresta pluviale del vostro mondo interiore e non abbiate paura dei draghi e dei mostri, sono comunque solo illusioni. Credo che questo si rivelerà molto più sicuro, e anche più piacevole, di quanto vi aspettavate. Scommetto che troverete anche ogni sorta di tesori nascosti.

 

Articoli correlati:

Intimità con i propri sentimenti

Osservare i sentimenti

Trasformare il dolore emotivo in passione e ispirazione

 

Tutti gli articoli 

Coaching online 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.