Confronta il tuo comportamento con quello di un bambino emotivamente sano (anche se con l'educazione media la maggior parte dei bambini perde molto presto la sua salute emotiva): quanta di quella curiosità hai ancora? ... quella giocosità... mobilità... apertura... energia... fiducia... gioia di vivere...? Puoi immaginare riportare quelle qualità nella vostra vita? Queste sono le nostre vere qualità, che non possono essere distrutte; possiamo tagliarle e seppellirle sotto credenze limitanti, durante esperienze spiacevoli, ma possiamo accedervi e viverle di nuovo.

Le emozioni sono "voci della nostra mente subconscia"Le parti di noi che sono più vicine al nostro nucleo interiore, al nostro essere primordiale, spontaneo e intuitivo. Ogni volta che c'è un conflitto tra il pensiero razionale e le emozioni - se le emozioni sono sane - la mia esperienza mi porta a credere che le emozioni di solito contengono informazioni più rilevanti. Questo perché le nostre menti subconsce notano molti più dettagli ed elaborano molte più informazioni di quanto possano fare le nostre menti coscienti.

Le emozioni offrono informazioni su come le parti più profonde e più vere di noi stessi sperimentano ciò che sta accadendo intorno a noi. Le emozioni sono messaggeri dell'enorme serbatoio dell'inconscio piuttosto che della limitata conoscenza razionale. Ogni volta che qualcuno viola i nostri confini personali e la nostra integrità, anche in modo sottile, le nostre emozioni ci avvertono molto più velocemente della nostra logica. Possono avvertirci del pericolo di manipolazione, sfruttamento o altri tipi di danno. Sfortunatamente, siamo addestrati a censurarli molto più di quanto siamo consapevoli. Spesso lo notiamo negli altri, ma non tanto in noi stessi.

Parti subliminali ed emotive di noi registrare molte più informazioni sulla personalità e le intenzioni delle altre persone più di quanto la nostra mente cosciente possa interpretare. Possono registrare ogni dettaglio nei segnali non verbali degli altri (compresi microsegnali non ce ne saremmo mai accorti coscientemente), e offrire il conoscenza interiore che chiamiamo intuizione.


Affrontare le nostre emozioni

Poiché le emozioni sono parti del nostro essere centrale, non possiamo ignorarli senza conseguenze. A mio parere, troppi approcci religiosi, New Age e di coaching suggeriscono alle persone di rifiutare, ignorare, conquistare o "elevarsi al di sopra" delle emozioni, con il risultato di profondi conflitti interiori che possono portare a ancora più soppressione, controllo e paura della consapevolezza di sé, meno tolleranza e meno considerazione per il punto di vista degli altri.

Anche le persone che sono veramente impegnate nello sviluppo personale, a volte hanno difficoltà ad affrontare le emozioni spiacevoli. La maggior parte delle emozioni malsane sono profondamente collegato a un'immagine tossica di sé. Diventare consapevoli di loro può essere sgradevole - ma meno sgradevole di quello che la gente spesso teme. La paura delle proprie emozioni è di solito acquisita anche nell'infanzia, se ci siamo sentiti sopraffatti da esse o siamo stati puniti per esse.

Quando blocchiamo le emozioni spiacevoli, blocchiamo anche quelli piacevolipoiché sono tutti intrecciati. Per i bambini piccoli e dipendenti, il comportamento immaturo delle persone intorno a loro può essere così spaventoso che cercano di assorbire lo shock creando credenze limitanti e sopprimendo i loro sentimenti.

La ragione per cui è così difficile risolvere quei sentimenti e diventarne consapevoli è che le parti infantili di noi, una volta dissociate e soppresse dalla coscienza, non ha mai avuto la possibilità di maturare. Rimangono ad un livello infantile di percezione anche quando cresciamo. Anche adesso, quelle parti di noi hanno ancora la stessa paura delle emozioni difficili di quando sono state create originariamente - e potrebbero anche avere paura che rinunciare alle credenze tossiche significhi rinunciare alla propria famiglia.



Emozioni sane e non sane

Come possiamo distinguere le emozioni sane da quelle malsane? Ecco alcune linee guida:

 

Emozioni sane (da adulti):

- Il intensità di emozioni è appropriato alla situazione (nelle situazioni quotidiane, di solito è un leggero disagio, come un avvertimento)

- Emozioni sane motivare ci danno energia per un'azione appropriata, per esempio difendendo i nostri confini e la nostra integrità

- Di solito non abbiamo problemi che esprime loro, come quelle parti di noi hanno potuto maturare perché potevano essere riconosciute ed espresse all'interno delle nostre famiglie. (Potremmo sentire problemi e tensioni, però, se le nostre emozioni adulte sono mescolato a sentimenti malsani e senso di colpa. Questo è molto comune, poiché molte persone imparano in tenera età a sentirsi colpevoli se esprimono i loro sentimenti in modo sincero).

- C'è nessuna tensione e disagio lasciato una volta risolta la situazione

- Non c'è un atteggiamento bianco o nero, noi percepire entrambe le parti della storia

- Noi non sentitevi umiliati o male di noi stessi, né sentiamo il bisogno di umiliare o ferire gli altri.

Emozioni malsane (infantili):

- sono o eccessivamente intenso o soppresso

- Sono seguiti da un conflitto interiore, di solito tra colpa (forse è colpa mia) e vergogna (Ho agito stupidamente) da un lato, e rabbia (non hanno il diritto di trattarmi così, dovrei dire loro quello che si meritano!) dall'altro, accompagnato da spiacevoli sensazioni corporee. Questo conflitto può persistete molto tempo dopo che la situazione spiacevole è finita. Anche se hai oggettivamente ragione, queste emozioni possono mostrarti che c'è una parte di te che ha paura o si sente in colpa. Alcune emozioni infantili possono far sentire bene temporaneamente (arroganza, dispetto...) ma il conflitto interiore rimane.

- Questi conflitti interiori Succhiate la vostra energia e, se prolungato, provoca stress e stanchezza

- Lei sente di essere (principalmente) a destrae l'altra persona (principalmente) sbagliato (a volte il contrario, anche se questo è più comune con i bambini o con persone estremamente abusate)

- Ti senti scomodo e dubbioso su di te, che può motivarti a criticare e trovare ancora più difetti nelle altre persone.

A volte, i dettagli nel comportamento degli altri possono scatenare emozioni molto forti, così forti che siamo facilmente convinti di essere giustificatianche se tutti, compreso il nostro buon senso, ci dicono che le nostre reazioni sono troppo intense. Questo può accadere spesso nelle relazioni intime, poiché queste suscitano le nostre emozioni più profonde. In quei momenti, è difficile smettere di pensare al comportamento dell'altra persona e assumersi la responsabilità delle nostre emozioni - ma proprio in quei momenti, questo è più importante e porta più benefici.

Disagio fisico è un segnale comune che qualcosa è soppresso - una sensazione di pressione, un crampo morbido, dolore o sensazione di bruciore nel corpo. Per esempio, se ci sentiamo feriti o minacciati, di solito affiora una parte immatura di noi, per esempio una parte che crede che in qualche modo abbiamo meritato il dolore, anche se siamo razionalmente consapevoli della realtà. Per sopprimere quei sentimenti di disagio e difendersi, la maggior parte delle persone usa contrattacco o iniziare a incolpare gli altri. Più intensi sono la paura e il senso di colpa, più grande è il bisogno di criticare non solo il comportamento, ma anche la personalità degli altri.

Come possiamo sperimentare ogni giorno, questo processo avviene quasi inconsciamente e raramente viene messo in discussione. Durante questi momenti, il disagio fisico continua e si intensifica, inviando avvertimenti che ci manca qualcosa. Se abbiamo paura di confrontarci con quelle emozioni spiacevoli, sembra molto più facile continuare gli stessi comportamenti (anche se non portano risultati), piuttosto che concentrarci dentro e affrontare il nostro dolore.


Accettare la responsabilità

Definirei la maturità emotiva come accettare la responsabilità dei nostri sentimenti, delle nostre esperienze, del nostro comportamento e delle circostanze della nostra vita.

Uno dei modi più facili per evitare emozioni spiacevoli, e uno dei più difficili da disimparare, è passare la responsabilità agli altri facendo notare gli errori nel loro comportamento. Anche se hai ragione, quando ti accorgi che continuare a pensare alle azioni e alle colpe degli altriImmaginando quello che vorresti dire a quella persona, mentre allo stesso tempo senti delle sensazioni scomode nel tuo corpo, puoi essere sicuro che stai evitare qualcosa (per esempio, paura, senso di colpa o sensazione di inadeguatezza). È molto facile farsi prendere da questo processo, specialmente se ti rendi conto che l'altra persona sta passando la responsabilità anche a te. Allora entrambi potete essere presi in un gioco diretto o indiretto di "ping pong" - un gioco chiamato "Chi ha iniziato per primo" - con entrambi i giocatori che si sentono sempre più attaccati e quindi attaccano di nuovo.

A lungo termine, si possono creare sempre più sentimenti simili, fino a quando finalmente si decide di prendersi la piena responsabilità per risolverli. Si può essere certi di aver risolto la causa di un problema quando una situazione impegnativa non scatena più reazioni emotive malsane. Per esempio, la rabbia sana viene fuori se c'è la necessità di reagire, ma nella rabbia sana non c'è bisogno di ferire gli altri o di umiliarli, ma piuttosto di porre dei limiti. In seguito, se la vostra reazione è stata costruttiva e appropriata, non ci sono sentimenti spiacevoli persistenti.

A mio parere, un fondamento dell'autosviluppo di successo è un consapevolezza continua dei nostri sentimenti. In questo modo, possiamo riconoscere i problemi che dobbiamo affrontare, costruire vere e proprie intimità con noi stessi, l'onestà verso noi stessi, che porta a autostima.

A volte le situazioni spiacevoli possono essere così spaventose che preferiremmo fare qualsiasi altra cosa piuttosto che affrontarle. Eppure proprio questo paura del confronto è una delle principali cause di disagio. Se riusciamo a superarlo e ci permettiamo di accettare pienamente i nostri sentimenti, di solito sperimentiamo che sono molto più meno sgradevole e spaventoso di quanto pensassimo.

Quando abbiamo paura o ci imbarazza esprimere le nostre emozioni, mandiamo a noi stessi il messaggio che i nostri bisogni non sono importanti. D'altra parte, è saggio non inviare agli altri gli stessi messaggi comportandosi come se contassero solo i nostri sentimenti. Essere consapevoli che ci sono molti modi per esprimere la stessa emozione. Le parole che vi vengono in mente per prime potrebbero non essere le più mature di tutte.

 

Articoli correlati:

Intimità con i propri sentimenti

Osservare i sentimenti

Domande e risposte sulla maturità emotiva

 

Tutti gli articoli 

Coaching online 

 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.