Le critiche possono avere cause diverse, ma una spesso trascurata è paura.

È difficile per voi stabilire dei limiti? Avete difficoltà a dire "No" o evitate i conflitti? Se dubiti della tua capacità di difendertiSi può aspettare che le persone sappiano in anticipo dove sono i vostri confini e li rispettino senza che voi dobbiate ricordarglielo. È molto improbabile che questo accada.

Anche se le persone non avevano modelli di ruolo tossici (e la maggior parte li ha), la nostra diversità genetica comprende diversi livelli di sensibilità emotiva o di empatiae temperamenti diversi. Ciò che è doloroso per una persona può essere normale per un'altra. Pensate alla sensibilità al rumore: un rumore che può essere fonte di distrazione e di stress per una persona, può essere stimolante o appena visibile per un'altra. Anche la sensibilità emotiva è diversa tra le persone.

Alcune persone provengono da famiglie in cui era normale alzare la voce, dissentire e discutere - il più delle volte forse anche amichevolmente. Le persone provenienti da famiglie più tranquille potrebbero essere totalmente impreparate a questo stile di comunicazione.

Peggiora se la propria famiglia è stata aggressiva o manipolatrice - se un bambino è stato controllato attraverso il senso di colpa, la paura o la vergogna. La rabbia è una reazione naturale e istintiva al senso di colpa, alla paura e alla vergogna. Queste persone, anche da adulti, potrebbero rispondere con rabbia non appena il loro senso di colpa, la paura o la vergogna minacciano di alzare la testa. Queste emozioni potrebbero non essere realistiche - potrebbe essere solo un reazione automatica a piccoli trigger.

 

Le persone i cui confini non erano rispettati quando erano bambini avranno probabilmente imparato a reprimere la loro rabbia e ad evitare di esprimersi. La paura e la rabbia in combinazione possono portare a critiche. Potreste definire le persone irresponsabili, maleducate, egoiste o stupide nella privacy della vostra mente. È anche probabile che si ricorra a aggressione passiva. Forse è talmente normale per voi che a malapena ve ne accorgete quando lo fate. Anche se ve ne accorgete, potreste pensare che non ci sia altra scelta.

La gente non può leggere la tua mente. Abbiamo già a che fare con tante altre influenze ogni singolo minuto della nostra vita. È così facile distrarsi, se non altro. I malintesi accadono per tutti i tipi di ragioni - e se non viene chiarito, può portare a conseguenze complesse e inutili.

Inoltre, sembra essere quasi un istinto per la maggior parte delle persone a prendere tutto quello che sentono di poter prendere. Se qualcuno è malleabile, facile da manipolare, insicuro o eccessivamente generoso, poche persone hanno la consapevolezza di sé e l'autodisciplina per notarlo quando iniziano a sfruttare la situazione e per impedirsi di farlo. Se qualcuno è più insicuro di te, ti senti un voglia di dominare? Questo è un istinto che potrebbe essere più debole in alcune persone, e più forte in altre.

 

Le critiche non saranno d'aiuto. Il primo passo (una sequenza di passi, più probabilmente) è quello di affrontare l'inibizione delle emozioni dell'infanzia e imparare a dare forza a se stessi. Il secondo passo è quello di imparare nuove abitudini - chiarezza, difendersi da soli, capacità di comunicazione. Questo potrebbe includere la scelta di nuovi modelli di ruolo.

Le prime volte che si prova un nuovo approccio potrebbe essere spaventoso. Bisogna essere ben preparati a tutto ciò che potrebbe accadere e disposti a sostenere e confortare se stessi. Ma sopravviverai; se commettete degli errori, imparerete qualcosa da loroe ogni volta vi sentirete più forti e più a vostro agio, fino a quando non vi sentirete sicuri della vostra capacità di affrontare le persone. Forse allora vi accorgerete che le critiche non sono più così necessarie, che non arrivano in modo così automatico.

Più ci si sente disposti e capaci di proteggere i propri confini, più ci si sente rilassati tra le persone e persino tollerare alcuni dei loro tratti meno piacevoli. Tuttavia, è normale sentire un certo livello di disagio se qualcuno si comporta in modo malsano o minaccioso. Il disagio emotivo è un normale e sano segnale d'allarme. C'è un enorme differenzaMa tra il disagio emotivo adulto e il disagio emotivo infantile. Se le vostre emozioni sono adulte, sarete motivati piuttosto che debilitati.

 

Articoli correlati:

Impostazione dei confini

Come difendersi da soli

Osservare i sentimenti

 

Tutti gli articoli 

Coaching online 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.