Introduzione: questa è una dimostrazione del lavoro simbolico e metaforico del Modulo 3 del Coaching Sistemico Integrativo. I mostri sono comuni nelle immagini simboliche ed è importante non rifiutarli o distruggerli, ma integrarli. Durante l'integrazione, il lavoro metaforico spesso passa spontaneamente a lavorare con problemi familiari specifici. La trascrizione è stata fatta durante una formazione internazionale online nel 2020.

KOSJENKA

Questa volta possiamo concentrarci su mostri e buchi neri, e vedremo per cos'altro avremo tempo. Qualcuno ha incontrato un mostro nei suoi viaggi interni con cui vorrebbe fare una chiacchierata? (Silenzio.) Siete un gruppo molto sano o molto timido. Qualcuno può immagina che hanno un mostro dentro?

ANGELA

Io posso.

KOSJENKA

Grazie, Angela. Una cosa che ho appena ricordato, a volte quando un cliente mi dice che non riesce a immaginare qualcosa gli chiedo: "Riesci a immaginare di poterlo immaginare? Non sempre funziona, ma spesso aiuta a saltare quella barriera mentale.

ANGELA

So che avremmo dovuto parlare di mostri, ma mi sono appena ricordato di una cosa. Quando stavamo lavorando sulle mappe di famiglia, ho trovato questo angelo scuro o nero in piedi dietro mia madre e volevo chiedere se questo si qualifica come demone o mostro.

KOSJENKA

È così. Un mostro non deve essere un drago tradizionale o un diavolo dell'inferno. Può essere qualsiasi tipo di creatura che trovi nei tuoi sogni da sveglio e che ti confonde. Angela, per favore, chiudi gli occhi. Ricorda l'angelo scuro dietro tua madre. È un grande angelo, un piccolo angelo, è arrabbiato, è triste...?

ANGELA

Questo non è in realtà un angelo, è più qualcosa tra un pipistrello e un drago, ma le sue ali sono più simili a quelle di un angelo. È molto grande.

KOSJENKA

Interessante. Qual è l'espressione facciale di quella creatura, qualunque essa sia?

ANGELA

Mi ricorda quei gargoyle della cattedrale di Notre-Dame anche se non è fatto di pietra, si muove, ma è così che appare, la sua espressione.

KOSJENKA

Che tipo di energia emotiva proviene da lui?

ANGELA

È difficile trovare un'emozione, quindi dirò cosa mi sta succedendo. La creatura inizia con una nuvola scura e poi si solidifica fino a diventare pietra. Sento un crampo allo stomaco e ho voglia di vomitare. Quando ci penso ancora, sento che è lì per portarci via qualcosa. E mia madre sembra terrorizzata da lui e in realtà io sono in una posizione diversa, ma mia madre si sente davvero terrorizzata.

KOSJENKA

Immagina di avvicinarti a questa creatura e dirle "Ciao" in modo amichevole, il più amichevole possibile. Forse anche darle la mano. Cosa succede?

ANGELA

È davvero difficile salutarlo perché quando mi avvicino è così alto che non riesco nemmeno a vedere la sua faccia, ma provo a dire Ciao. Lui ha annuito mentre mi rispondeva "Ciao" e ora il suo viso è sospeso sopra di me mentre si inchina per salutarmi.

KOSJENKA

Bene. Chiedi a quella creatura: Cosa vuoi più di ogni altra cosa? Che cosa dice?

ANGELA

Vuole togliermi qualche forma di innocenza e vuole leccarmi dappertutto e lasciare la sua saliva su di me.

KOSJENKA

Chiedi a questa creatura: Perché è importante per te?

ANGELA

È per commemorare qualcosa, deve essere come una statua. È per renderlo memorabile.

KOSJENKA

Sono un po' confuso, ma non importa. Cosa pensi che succederebbe se gli permettessi di leccarti dappertutto?

ANGELA

Ho l'impressione che questo farebbe crollare mia madre. È più collegato a mia madre, io sono solo una pedina qui, questo non è collegato direttamente a me.

KOSJENKA

Senti perché tua madre sarebbe distrutta se tu permettessi a questo mostro di leccarti dappertutto. Forse sapresti qualcosa che non dovresti sapere. Forse la mamma crede che ti farebbe male? O forse qualcos'altro.

ANGELA

Sì, si tratta del dolore. Ed è il suo dolore.

KOSJENKA

Riesci a sentire, come fa male tua madre?

ANGELA

È terrorizzata, intorpidita e tutta sporca. È tutta coperta da quella saliva.

KOSJENKA

Chiedi al mostro: "Sai quanto ti teme mia madre? Cosa dice il mostro?

ANGELA

Il mostro è diventato un po' più piccolo ed è disposto ad aprire un dialogo.

KOSJENKA

Chiedi al mostro se ha qualcosa da dire a tua madre.

ANGELA

Ho due risposte parallele. Dice che gli dispiace, ma d'altra parte si suppone che sia un segreto, nessuno deve sapere che gli dispiace. Fa paura ed è pericoloso, ma oggi gli dispiace. Questa chiacchierata lo ha un po' spaventato, perché questo doveva essere un segreto. L'ha spaventato perché ne stiamo parlando, per questo è diventato più piccolo.

KOSJENKA

Sì, i segreti di famiglia possono spesso apparire sulla mappa della famiglia come qualche punto oscuro o strano, o molto simile a quello che Angela descrive. Angela, chiedi al mostro: cosa vuoi veramente? Cosa stai veramente cercando di fare qui?

ANGELA

Il mostro vorrebbe essere libero, vorrebbe volare via, non vuole restare qui a fare la guardia.

KOSJENKA

Sta mantenendo la guardia? Se sì, chi o cosa sta facendo la guardia?

ANGELA

È una specie di guardiano dell'innocenza e della verginità di tutta la famiglia.

KOSJENKA

Interessante. Da cosa?

ANGELA

Fondamentalmente è come se il pericolo potesse venire da qualsiasi fonte o da qualsiasi direzione. Sento una sorta di panico. È come se fosse lì perché il pericolo può venire da ogni parte.

KOSJENKA

Allo stesso tempo, l'innocenza spesso include l'ignoranza. E se sei ignorante è difficile prendere buone decisioni. Chiedi al mostro: Quanti anni pensi che abbia?

ANGELA

Cinque.

KOSJENKA

Ok. Ora spiega delicatamente al mostro che è passato molto tempo da quando hai avuto cinque anni. Dì al mostro: credo che tu abbia dormito per un po'. Sono abbastanza adulto e abbastanza forte. Cosa dice il mostro?

ANGELA

Niente.

KOSJENKA

Ok. Chiedi al mostro: Per favore, apri il tuo mantello o togliti il costume. Mostrami cosa stai nascondendo.

ANGELA

È un prete.

KOSJENKA

Interessante. Chiedete al prete cosa ci fa lì, o cosa ha fatto?

ANGELA

Ho la visione che sta bloccando la bocca di mia madre.

KOSJENKA

Guarda tua madre. Ha tanta paura di quel prete. Riesci a indovinare di cosa ha tanta paura?

ANGELA

Il mio cuore batte e ho la sensazione che se lei si comporta male lui può venire quando vuole e punirla. E io, come mia madre, mi sento mia madre ora, mi vergogno di poter essere punita di nuovo.

KOSJENKA

Se sei madre, sembra che tu sia stata punita prima. Indovina chi ti ha punito e per cosa. Forse tu (madre) sei stata cattiva da piccola, forse hai fatto sesso con qualcuno che non avresti dovuto, forse sei rimasta incinta, forse ti sei sporcata i vestiti da piccola, qualsiasi cosa.

ANGELA

Questa punizione è per essere spontanei, per non pensare alle decisioni.

KOSJENKA

Quanti anni ha la madre quando teme di essere punita per essere spontanea?

ANGELA

Cinque, quattro.

KOSJENKA

Ora per favore immaginate di essere voi il mostro. Nello stesso tempo vuoi leccare Angela e sua madre, vuoi proteggerle e in qualche modo vuoi anche punirle, o forse loro lo stanno immaginando. Vuoi che abbiano tanta paura di te?

ANGELA

Questa sensazione di paura, in realtà, è il modo di leccare la gente. Non sento la connessione con me stesso, ad essere onesti, tutto questo è collegato a mia madre. Non sono nemmeno in grado di guardarmi.

KOSJENKA

Sembra che tua madre fosse spontanea e poi abbia fatto qualcosa per cui è stata punita. Ciò che è importante qui è come ottenere l'aiuto del mostro. Immagina di essere tu il mostro. Guarda la madre di Angela attraverso gli occhi del mostro. Vuoi che lei sia così spaventata?

ANGELA

No, la cosa più importante per me è proteggere la famiglia.

KOSJENKA

Cosa vuoi per la famiglia? Come vuoi custodirli?

ANGELA

Togliendo la spontaneità, in modo che non facciano errori.

KOSJENKA

Se sei il sacerdote-mostro, chi ti ha messo lì? Forse la madre ti ha creato?

ANGELA

Sì, è una creazione di mia madre.

KOSJENKA

Sembra che tua madre abbia scisso una parte di se stessa e l'abbia trasformata in un mostro per impedirle di fare errori. Allo stesso tempo, cosa può imparare se non fa mai errori? Forse non è una decisione del mostro. Dite alla madre: Non hai più cinque anni. Cosa dice la mamma?

ANGELA

Sta piangendo.

KOSJENKA

Di' alla mamma: va bene fare errori. È normale, è umano, le brave persone sbagliano, è il modo più veloce per imparare. Cosa dice la mamma?

ANGELA

Piange ancora, ma non è più sdraiata, ora è seduta.

KOSJENKA

Chiedi a tua madre cosa vuole veramente in questo momento.

ANGELA

Vuole riposare.

KOSJENKA

Immaginate di permettere alla madre di riposare. Immaginate che forse la madre possa riposare per giorni o per settimane o per mesi o anche per anni, se vuole.

ANGELA

Questo è sorprendente perché mia madre per settanta e qualcosa anni non si è permessa di riposare, e ora sta riposando.

KOSJENKA

Forse quel mostro di prete era lì per impedirle di controllarsi. Non solo dal commettere errori, ma dal permettersi fisicamente di essere umana. Immagina di comprare alla mamma una bella vacanza. Magari un viaggio intorno al mondo. Magari anche un viaggio sulla luna, potrebbe essere possibile presto, chissà. Forse può andare alle Hawaii, ai Caraibi, sulle Alpi, in Sud America. Forse le piacerebbe semplicemente passare qualche mese su una spiaggia. Immagina di potersi davvero riposare e rilassare come mai prima nella sua vita.

ANGELA

Sono molto commosso ed emozionato qui, vorrei portarla in vacanza ma lei ha scelto un giardino botanico e guardare i fiori.

KOSJENKA

Va benissimo. Può guardare i fiori crescere per mesi se vuole.

ANGELA

Questo prete ora sembra che sia sempre stato uno di quei giocattoli pompati con aria, quindi ora l'aria ha smesso di essere pompata e sta perdendo l'aria.

KOSJENKA

Bene. Chi ha insegnato alla mamma che non deve riposare e giocare?

ANGELA

Sua madre.

KOSJENKA

Chiedi alla memoria o all'anima di tua nonna di dare a tua madre il permesso di essere umana. Di dare alla mamma il permesso di riposare, di giocare, di divertirsi.

ANGELA

La nonna ora si sta spiegando, sta cercando di dire che non è quello che intendeva, non voleva portarglielo via, non voleva portarle via il divertimento, non avevano soldi, quindi se avesse distrutto i suoi vestiti, per esempio, non avrebbero avuto soldi per comprargliene di nuovi. Lei era anche la sorella maggiore, quindi avrebbe dovuto essere lì, ad aiutare. Solo che non avevano soldi per permettersi di rilassarsi.

KOSJENKA

È abbastanza comprensibile per quell'epoca. Ho sentito storie di bambini di un tempo che dovevano lasciare le loro famiglie e andare a lavorare come domestici all'età di otto, dieci, dodici anni. Tua madre ha avuto vita più facile in confronto a questo. Di' alla nonna che non sono qui per biasimarti. Ho solo bisogno del tuo aiuto. Cosa dice la nonna?

ANGELA

È disposta ad aiutare, sta anche piangendo, in realtà sta piangendo dicendo che voleva solo che stessero bene, ma è andata così, le sue intenzioni erano buone. È disposta ad aiutare. È commossa.

KOSJENKA

Ottimo. Chiedile di nuovo di dare a tua madre il permesso di giocare, di riposare, di rilassarsi.

ANGELA

Le diede tutto questo e le diede anche una specie di scatola di legno con le ruote in modo che potesse cavalcare giù per la collina.

KOSJENKA

Fantastico. Potrebbe essere abbastanza divertente. Immagina la mamma che rotola giù per le colline in quella scatola su ruote. Speriamo che abbia un atterraggio morbido.

ANGELA

Io la vedo così. È una piccola collina che non ho mai visto con i miei occhi, la conosco solo dai racconti. So che i miei nonni lavoravano all'università e l'università dava loro un posto dove stare e quella collina, è così che l'ho immaginata. La vedo giocare lì.

KOSJENKA

Cosa succede ora al sacerdote-mostro?

ANGELA

È solo una cosa senza aria, piatta.

KOSJENKA

Forse puoi suggerire al mostro-sacerdote di trasformarsi in un cagnolino e lui può unirsi a tua madre nel gioco e poi può leccarla se vuole.

ANGELA

No, in realtà tutta questa gomma di cui era fatto è stata trasformata in una grande palla che possono calciare e giocare.

KOSJENKA

Ok, notate cosa succede quando la mamma può giocare con quella palla.

ANGELA

C'è questa luminosità nella famiglia ora, sta effettivamente producendo calore. C'è luce e calore ora.

KOSJENKA

Fantastico. Che effetto ti fa?

ANGELA

Ho appena avuto una situazione nella mia vita reale, ho rimproverato mia figlia alla grande, perché voleva portare i suoi pantaloni migliori a pattinare. Questo mi è tornato in mente, ora è divertente, posso riderci sopra, non è più così serio.

KOSJENKA

Eccellente. Sembra che tu possa rilassarti molto di più quando anche tua madre è rilassata. Forse puoi esplorare nei giorni seguenti come può influenzare la tua vita quando tua madre è dietro a giocare con la sua palla di gomma. Ottimo, grazie mille, Angela.

ANGELA

Sono io che sono grato.

KOSJENKA

Molto gradito. (Al gruppo) Qualche domanda o commento?

CAROLINE

Prima di dire quello che voglio dire, voglio dire ad Angela, per favore tenete presente che potrebbero essere le mie proiezioni. Per favore non prenderla sul personale, potrebbe anche non essere collegato a te. Prima di tutto voglio dire che sono impressionato, Kosjenka, che tu sia in grado di affrontare tutto questo con un sorriso e con positività perché le mie emozioni erano completamente diverse, ho provato rabbia durante la demo. Hai detto prima che il mostro può essere una parte di noi. Volevo chiederti se questo mostro potrebbe aver simboleggiato qualcosa che è successo alla madre di Angela. Quello che ho sentito è che forse la madre di Angela in realtà non si è comportata male, ma che è stata data come scusa per una punizione. Che in realtà non era una punizione ma qualcosa di brutto che stava accadendo alla madre di Angela. Così ho pensato all'abuso sessuale e quando ho sentito che questo mostro era diventato un pallone di gomma che si può calciare, mi sono sentita felice per questo, che finalmente si può calciare. Penso che potrebbero essere le mie proiezioni, forse sono stati i miei antenati, la mia famiglia che ha avuto qualcosa del genere nella sua storia, ma mi stavo solo chiedendo cosa ne diresti tu, Kosjenka.

KOSJENKA

Prima di tutto, se avete forti emozioni per qualcosa su cui state lavorando con un cliente, è molto probabile che le emozioni provengano da qualcosa nella vostra storia. Allo stesso tempo, i segreti di famiglia più comuni sono aborti, abusi sessuali, stupri o relazioni. Quindi la tua ipotesi non sarebbe lontana dalla realtà in molti casi. Ho suggerito gentilmente questa possibilità quando ho dato ad Angela diverse opzioni come, Forse tua madre si è sporcata, o, Forse tua madre ha fatto sesso quando non doveva, forse è rimasta incinta. Ma alla fine è importante permettere al cliente di arrivare alla propria esperienza e informazione. Tenete a mente tutti, se state semplicemente tirando a indovinare sulla base dell'esperienza, è diverso da quando provate forti emozioni su ciò che sta succedendo. Se avete forti emozioni potrebbe essere una buona idea esplorarle, sembra che ci sia qualcosa che ha bisogno di essere risolto. Angela, vuoi commentare?

ANGELA

Ho avuto anche alcuni pensieri su questo, sull'abuso fisico, sull'abuso sessuale, ma in realtà quando ho dovuto scegliere il motivo mi sono sentita più eccitata per questa libertà e il divertimento. Mi sentivo più eccitato per questo, per molte ragioni, due delle quali sono le più importanti. La prima, mia madre mi ha raccontato una storia quando stava andando con i suoi fratelli maggiori al primo giorno di scuola materna o elementare, stava camminando con questa borsa con le scarpe dentro, era eccitata, stava giocando con loro in aria, a un certo punto si sono persi tra gli alberi e sono rimasti appesi a un albero. Prima è stata picchiata dai suoi fratelli, poi da suo padre e poi da sua madre. Quindi non è stata una bella esperienza e questa è stata la prima ragione per cui mi sono sentita forte su quella scelta. La seconda è che naturalmente l'abuso sessuale è qualcosa di molto intimo, anche se non riguarda noi, se riguarda qualcun altro, è comunque molto intimo, e non mi sono sentita molto bene ad aprirlo, perché qui siamo un grande gruppo. Se trovo un secondo fondo e sento che dovremmo aprirlo, dirò sicuramente qualcosa al riguardo, ma per ora ho sentito che questa eccitazione interiore era più importante.

KOSJENKA

Ottimo, grazie. Tutti, sentitevi liberi di verificare i vostri sospetti con almeno tre possibilità, ma lasciate sempre al cliente l'ultima parola.

Articoli correlati:

Relazione tra un terapeuta e un cliente

Trascrizione: Risolvere un conflitto interiore complesso

Trascrizione: GoalWalk

Tutti gli articoli 

Coaching online 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.