foto di: Roman Craft

 

Ogni relazione ha i suoi problemi e non è realistico pensare che avremo sempre comprensione, accordo e un rapporto idilliaco con un partner. Un problema relativamente comune è quando una persona si aspetta di non dover esprimere chiaramente i propri bisogni, ma che il partner, se lo amasse, li riconoscerebbe e li capirebbe. Questo, dal mio punto di vista, è di solito il risultato di bisogni insoddisfatti dall'infanzia e la ricerca di un sostituto per un genitore - qualcuno che facilmente capirebbe e soddisferebbe i nostri bisogni, e i cui bisogni propri non sarebbero incoerenti con i nostri. Ma questo non è generalmente realistico.

Un amore sano significa accettare i disaccordi, le piccole incompatibilità e le incomprensioni nella comunicazione, e fare uno sforzo per risolverli e arrivare a un accordo. Naturalmente, lo sforzo è necessario da entrambe le parti, non solo da una, e anche questo non è sempre sufficiente se ci sono incompatibilità significative sui valori chiave della vita. Ma diciamo che siete relativamente compatibili - anche allora, grossi ma inutili problemi possono nascere da abitudini di comunicazione consolidate - apprese dal nostro ambiente precoce ma spesso inconsapevoli, motivo per cui non le mettiamo in discussione.

Ci sono persone che, inconsciamente e automaticamente, nascondono i loro veri desideri e le loro opinioni finché non scoppiano improvvisamente di frustrazione, o i loro sentimenti per il partner si raffreddano perché si risentono del fatto che il partner non riconosce i loro desideri inespressi e i loro segnali non verbali. Ci sono persone il cui stile di comunicazione è impensato, persino aggressivo, e non pensano nemmeno a come potrebbe suonare a qualcun altro. Ci sono persone che semplicemente non hanno voglia di fare uno sforzo. Tutto questo è un inutile impatto negativo su un rapporto che può essere migliorato con un po' di prospettiva e apprendimento - se c'è la volontà di farlo.

Le discussioni di partenariato spesso seguono un percorso abbastanza prevedibile di lamentele, accuse, generalizzazioni, difese, interpretazioni errate, esagerazioni e forse anche insulti. Questo è ciò che la società di solito ci insegna quando siamo bambini. Ma con solo un po' più di attenzione alla comunicazione, molte relazioni possono essere preservate o riparate se lo sforzo è onesto e duraturo.

 

Ecco alcune delle regole più importanti per una comunicazione di qualità che migliora la relazione e previene l'accumulo di risentimento:

 

1) La maggior parte della rabbia e della resistenza nelle discussioni tra partner non è il risultato del contenuto, ma del modo in cui si parla: il tono di voce, la scelta delle parole, le espressioni facciali e i gesti... Quindi, spesso è più importante comunicare su come le cose vengono dette, piuttosto che su ciò che viene detto.

Per esempio, dite al vostro partner cosa vi dà fastidio del suo modo di comunicare (per esempio, tono aggressivo, roteare gli occhi, o generalizzazioni) e suggerite cosa potrebbero fare invece. Oppure, per mostrare buona volontà, chiedete loro cosa può essere fastidioso nel vostro modo di comunicare. Avrete bisogno di farlo spesso - all'inizio quasi dopo ogni poche frasi, perché è facile cadere nelle vecchie abitudini. Dipende dalla situazione, naturalmente - più importante è l'argomento e maggiore è il rischio di escalation, più è necessario tornare a questa regola.

 

2) Quando è possibile, prenditi un po' di tempo per scegliere la tua risposta - Evita le espressioni automatiche e tutto ciò che è avventato. Facendo una breve pausa per pensare, impedisci al tuo sistema limbico di agire automaticamente, e permetti al tuo cervello adulto di essere coinvolto al suo posto. È meglio spendere qualche secondo ora per scegliere parole migliori, che dopo magari passare ore e giorni a sistemare le conseguenze di quelle scelte male.

 

3) Comunicare il più possibile attraverso le domande, come: "Quando hai iniziato a sentirti così? Come hai sentito quello che ho detto? Cosa significa questo per te? Come vuoi che ti parli se ho un reclamo?". Questo dimostra attenzione e responsabilità, evita un atteggiamento difensivo e aiuta te e il tuo partner a capire meglio cosa sta succedendo.

 

4) Evitare di supporre cattive intenzioni e tratti. Questa è una delle regole più importanti. L'inizio della fine di una relazione, dal mio punto di vista, è quando i partner iniziano ad attribuirsi a vicenda cattive intenzioni e tratti a causa di comportamenti indesiderati. Naturalmente, è possibile che il vostro partner abbia dei tratti cattivi - tutti li abbiamo. Tuttavia, cause molto più comuni per attribuire cattive intenzioni a qualcuno sono una combinazione di comunicazione di scarsa qualità, transfert (il partner ci ricorda sottilmente i nostri genitori - questo è di solito inconscio e molto più comune di quanto la maggior parte delle persone noti) o semplicemente avere difficoltà a cambiare abitudini radicate.

 

5) Altre cose da evitare:
a) generalizzazioni (tu sempre / mai ...),
b) dichiarazioni categoriche (questo è sbagliato, non vero, non normale),
c) criticare il carattere invece del comportamento (ad esempio, vorrei che tu non facessi questo e quello, invece di "sei così pigro / egoista", ecc).
d) sopprimere le emozioni finché la rabbia non si accumula abbastanza da trasformarsi in collera o in aggressione passiva.
e) e, naturalmente, insulti e parole dure simili.

 

6) Non parlare mai per rabbia. La rabbia spesso provoca il desiderio di ferire l'altra persona, quindi è più probabile che facciamo tutte le cose di cui sopra che dovremmo evitare. Se la rabbia è troppo forte da contenere, provate quanto segue: andate in un'altra stanza dove potete essere soli, e dite ad alta voce quello che volete dire al vostro partner - o meglio ancora, registratevi mentre dite quelle cose. Una volta che sentiamo i pensieri arrabbiati pronunciati ad alta voce, possiamo più facilmente immaginarci come il loro "destinatario". Allora possiamo sentire come suonano diversamente (di solito più aggressivi) rispetto a quando li immaginiamo nella nostra mente, attraverso le nostre emozioni.
Per evitare una comunicazione arrabbiata, è meglio iniziare a parlare del problema mentre la rabbia o la frustrazione sono ancora lievi, mentre si può ancora essere calmi e riflessivi, piuttosto che aspettare che la rabbia diventi così intensa da spegnere in qualche modo la mente adulta. Tuttavia, molte persone hanno imparato presto nella loro infanzia ad evitare una comunicazione tempestiva e chiara, perché le reazioni dei loro familiari erano spesso scoraggianti.

 

7) Pensare a quello che l'altra persona sta dicendo e cercare davvero di capire.

 

8) (PARTICOLARMENTE IMPORTANTE) Fate attenzione al vostro tono di voce e alla comunicazione non verbale in generale. Anche se scegliete con cura le vostre parole, se il vostro corpo e la vostra voce emanano fastidio o irritazione, disinteresse o mancanza di rispetto, è probabile che la vostra comunicazione venga percepita come disonesta e manipolativa. D'altra parte, se la vostra comunicazione non verbale sembra amichevole e calma, sarà probabilmente più facile per l'altra persona accettare una critica anche più intensa del solito.
Per evitare di inviare un messaggio non verbale sgradevole, devi prima calmare deliberatamente i tuoi sentimenti e creare dentro di te quelle emozioni che vuoi trasmettere non verbalmente (per esempio rispetto, comprensione, cordialità, compassione).

 

9) parlare da sentimenti onesti, ma non quelli momentanei e superficiali. Come raggiungere questo obiettivo? Connettersi con le emozioni sotto la superficieQuelli che sono più profondi di una posizione difensiva o di emozioni immature temporanee. Di solito questo significa trovare ed esprimere i tuoi desideri sinceri sulla relazione. Chiedete a voi stessi: cosa voglio veramente che il mio partner capisca? Quale messaggio voglio davvero trasmettere?

 

10) Probabilmente avrete bisogno di ripetere spesso alcune di queste cose e continuare a tornare su come si comunica piuttosto che su cosa. Di solito più volte in ogni conversazione. Non aspettatevi risultati subito.
Aspettatevi di fare errori, entrambi. Preparatevi a qualche parola e commento scomodo, anche se entrambi vi state sforzando. La cosa più importante allora è non iniziare con le accuse del tipo "lo stai facendo di nuovo, non ci stai nemmeno provando!". Siate pazienti. È difficile cambiare le proprie abitudini automatiche.

 

Non aspettatevi che il vostro partner cambi così rapidamente come vorreste. L'obiettivo è comunicare, non manipolare o controllare. Se il vostro partner è diverso da voi, ha il diritto di essere quello che è. La comunicazione tra partner significa negoziare, non che i nostri desideri devono essere soddisfatti. Se siete troppo diversi per essere d'accordo senza controllo e manipolazione - potreste non essere compatibili, e non è colpa di nessuno.

Usare queste abilità di comunicazione non è difficile in teoria - ma nella realtà, il transfert e la regressione dell'età spesso si mettono in mezzo (di più sulla regressione dell'età qui). È importante riconoscere quando ciò accade, in modo da poterci riportare nella realtà adulta e percepire la persona reale che abbiamo davanti, invece di reagire al nostro passato. Riconoscere e risolvere lo stato di regressione d'età ci permette di essere genuini quando usiamo le capacità di comunicazione, piuttosto che fingere o forzare.

 

Articoli correlati:

Cosa succede quando un partner amorevole è un sostituto dei genitori?

Comunicazione non verbale e sottile

Prepararsi al matrimonio o a vivere insieme

Tutti gli articoli 
Coaching online

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.