fbpx

 


Recentemente ho avuto un'interessante discussione filosofica su cosa sono in realtà i "comportamenti maturi" e le "emozioni mature", e secondo quali (e di chi) criteri sono definiti.

Alcuni dei criteri di cui ho già scritto nell'articolo "Maturità emotiva"intensità delle vostre emozioni è appropriato alla situazione esterna, non sentite il bisogno di umiliare o ferire altri (il che significa che non hai convinzioni tossiche su te stesso), prendi responsabilità per le vostre emozioni, voi espresso te stesso in modi costruttivi e trovi emozioni mature motivante invece che doloroso o debilitante. In questo articolo aggiungerò alcuni dettagli:

  • In uno stato d'animo adulto e sano, la vostra percezione è complessa piuttosto che in bianco e nero. Siete in grado di riconoscere molti aspetti diversi di una certa situazione - non solo la vostra prospettiva, ma anche il punto di vista di altre persone, le possibili cause del loro comportamento, le possibili conseguenze delle vostre scelte, ecc. Pertanto, potete adattare il vostro comportamento ad ogni singola situazione, piuttosto che usare idee rigide o la percezione in bianco e nero della "colpa" di chi è la colpa.

  • Vi assumete la responsabilità del vostro comportamento, ma non delle reazioni degli altri. Pertanto, esprimete le vostre emozioni, le vostre convinzioni e le vostre esigenze in modo costruttivo, con onestà e rispetto, e non vi sentite in colpa se le altre persone reagiscono in modo spiacevole. 
    Immaturo comportamento significa percepire le altre persone come la causa delle tue emozioni, incolpandoli e criticandoli (sia in modo attivo che passivo). Significa anche "sparare" tutte le parole che ti vengono in mente, senza considerare se sono ragionevoli e responsabili.

  • Non si sente il bisogno di controllare le persone e le situazioni. Voi date più valore alla vostra integrità che al controllo sugli altri. Sapete di poter gestire i comportamenti altrui. Sentite che la vostra felicità e la vostra autostima non dipendono dalle altre persone. Scegliete quelle parole che esprimono onestamente i vostri sentimenti, invece di quelle che sperate possano influenzare le altre persone in un certo modo
    In un immaturo spirito, potresti sentire che tu dipendono da altre personesia fisicamente che emotivamente. Questo potrebbe farvi sentire impotente, arrabbiato o risentito - e dare la colpa agli altri intorno a te per tali sentimenti. Cercherete di trovare una soluzione esterna - controllando le altre persone - invece di lavorare con le proprie emozioni, costruendo autostima e indipendenza. Il vostro bisogno di controllare le altre persone è più forte del rispetto, della tolleranza o della compassione che potreste provare per loro.

 

  • Si possono stabilire dei limiti. Se sentite di potervi proteggere da comportamenti spiacevoli, potete essere più tolleranti e rilassati con le altre persone.
    Immaturità può includere l'incapacità di stabilire confini chiari. In questo caso, è probabile che ci si aspetti che altre persone indovina i tuoi desideri e i tuoi sentimenti e adattarsi ad esse, in modo da evitare di esprimersi in modo chiaro. Potresti incolpare le persone se non cercano di leggerti la mente (o se lo fanno, ma non ci riescono).

  • Sei compassionevoleSi può capire il punto di vista degli altri anche se non si è d'accordo con loro. Se percepisci certe persone come sofferenti, le vedi ancora forti e capaci di assumersi la responsabilità della loro vita, invece di vederle deboli e di assumerti la responsabilità.

 


Tutto questo significa che devo costantemente adattarmi agli altri e fare quello che vogliono?

Assolutamente no. Capire gli altri non significa automaticamente seguire i loro desideri. Aiuta solo ad evitare i pregiudizi e il pensiero in bianco e nero. Avete il diritto di decidere cosa si adatta ai vostri valorie ciò che non è accettabile per voi. La differenza è che, anche se decidete di non volere certe persone intorno a voi, potete prendere questa decisione in modo pacificoinvece di "alimentarlo" con critiche, umiliando gli altri o facendo la vittima.


Questo significa che non posso esprimere i miei sentimenti in modo chiaro e spontaneo?

No. Leggere di nuovo tutti i criteri di cui sopra con attenzione, in particolare la seconda voce. La differenza tra la comunicazione matura e quella immatura è che le persone mature non esprimono immediatamente tutto ciò che viene loro in mente, perché sono consapevoli che parole così (solitamente) dure e dolorose sono ciò che hanno imparato in un ambiente malsano. Invece, essi si concentrano all'interno per verificare cosa sentono veramente oltre lo strato superficiale di rabbia difensiva. Se si può essere consapevoli delle proprie emozioni più profonde, più calme e complesse, se ci si può prendere il tempo di trovare le parole che meglio le esprimono, allora si può essere veramente spontaneo in modo adulto. Se ci riesci, puoi essere chiaro e diretto quanto vuoi.



Significa che perdo la capacità di provare un'intensa felicità ed emozioni intense in generale?

Le emozioni sgradevoli sono destinate a diventare molto più miti se si risolvono le convinzioni tossiche adottate da bambino. Questo è ciò che la maggior parte della gente vuole comunque. Anche la felicità estrema, in bianco e nero, può essere infantile, ma se non ha conseguenze spiacevoli, perché lavorare per cambiarla? È abbastanza Va bene se alcune parti di voi rimangono infantilise sono costruttive e creative, se non sono legate a credenze tossiche su se stessi e sugli altri.

D'altra parte, man mano che si impara a percepire sempre più aspetti del mondo che ti circonda, la tua esperienza della felicità potrebbe diventare meno intensa e semplice, ma più ricco e complesso. Questa è come una differenza tra una torta che contiene così tanto zucchero che non si riesce a rilevare molto altro sapore, e una che è meno dolce, ma molto più saporita. La scelta è vostra - dipende dal vostro gusto.



Eppure, sento che quello che dici significa che ci si aspetta che io sia troppo calmo e calcolato, invece che appassionato e pieno di vita!

Questa è un'interpretazione esagerata. Se si è estroversi per natura, la maturità emotiva non significa diventare improvvisamente introversi. Le persone estroverse spesso credono che agli introversi manchi la passione, il che non è vero - la passione è semplicemente vissuta ed espressa in modo diverso. L'introversione / estroversione, o la capacità di provare passione, non hanno nulla a che fare con la maturità emotiva. Se sei un estroverso, puoi comunque godere di stimoli e comunicazioni intense, a patto che tu possa assumerti la responsabilità delle tue emozioni e scegliere le tue parole invece di ripetere accuse e critiche logoranti.

In seguito al suddetto confronto della felicità con le torte, possiamo confrontare l'estroversione con il godimento di cibi molto piccanti. L'estroversione in questo caso sarebbe rappresentata da persone che amano i sapori delicati e li trovano ricchi e complessi. Nessuna delle due cose è migliore dell'altra, purché si rispetti la scelta degli altri, invece di spingere con forza i peperoncini in bocca, nelle orecchie e nelle narici e aspettarsi che piacciano.



Chi decide quindi se un'emozione è "adatta al suo contesto"? Significa che la maggioranza ha ragione e che devo conformarmi ad essa? O significa che alcuni individui si pongono come autorità su altri?

Nessuno dei due. Anche se la distinzione non è sempre chiara, così come non c'è un confine chiaro tra "piccante" e "mite", si possono trovare alcuni indicazioni negli altri criteri di comportamento maturo che ho menzionato sopra: riconoscere molti aspetti di una situazione complessa, comprendere gli altri, rispettare se stessi e gli altri e assumersi delle responsabilità. Non esiste una formula matematica, ma se si presta attenzione a tutti questi aspetti, si può avere un'idea abbastanza chiara di cosa significhi essere maturi.

Un'altra indicazione importante possono essere le conseguenze del vostro comportamento. Il vostro comportamento ha come risultato armonia interiore, comunicazione equilibrata con altre persone e rapporti più o meno piacevoli, soprattutto con persone che ti sono vicine e ti conoscono bene? O si traduce in frustrazione reciproca, conflitti e giochi di controllo? Naturalmente, alcune persone reagiranno in modo sgradevole, non importa quanto maturo sia il tuo comportamento, ma sono una minoranza.

La prossima indicazione è la vostra capacità di entrare in empatia con le altre persone. Sei concentrato su te stesso e metti i tuoi sentimenti e i tuoi desideri al di sopra di quelli delle altre persone, o percepisci i loro sentimenti e i loro bisogni come altrettanto importante come il tuo? E voi apprezzate gli sforzi degli altri e ciò che ricevi da loro, o noti solo il tuo contributo alla loro vita? Riesci a trovare un equilibrio e un compromesso, quando possibile, e a concludere pacificamente una relazione se non è possibile?

Un altro aspetto importante è quanto sei onesto con te stesso. La maggior parte delle persone (tranne i sociopatici, ma la sociopatia indotta geneticamente è piuttosto rara) si sente un istintivo avvertimento interno se il loro comportamento è egoista e offensivo nei confronti degli altri. (Questo lo sentiamo perché, come specie, ci siamo evoluti per essere empatici, in modo da poter vivere in gruppi e società). Ascoltate questa voce? Presti attenzione a quei sentimenti che sussurrano che forse non sei stato giusto o onesto in una certa situazione? Riesci ad ascoltare tutte le tue voci interiori e poi decidere pacificamente quali di esse appaiono esagerate e semplificate, e quali sembrano percepire un punto di vista più ampio? Riesci a resistere al bisogno di sentirti meglio delle altre persone?

Infine, la maturità e la responsabilità non sono qualcosa che qualcuno potrebbe imporci. Sono le nostre scelte per il nostro bene. Scegliamo di esercitare la maturità non per soddisfare alcuni criteri esterni, ma perché vogliamo migliorare la qualità della nostra vita interna ed esterna. Scegliamo la maturità per amore personale e per l'apprezzamento delle altre persone. Scegliamo felicità a lungo termine su un sollievo a breve termine.


Tutto questo mi sembra ancora noioso!

In questo caso, forse avete imparato a associare la sofferenza e le emozioni spiacevoli all'amoree trovare una sorta di piacere nella sofferenza. Questo è un motivo per cui alcune persone potrebbero sentirsi annoiate in relazioni che non sono piene di abusi e drammi.

Forse hai pochissima esperienza di appagamento e felicità all'interno di relazioni sane, quindi non vuoi rinunciare al dubbio piacere che trovi nel dramma, nella sofferenza e nei giochi delle vittime. Se non riuscite nemmeno a immaginare un diverso tipo di felicità, potreste resistere fortemente all'idea di rinunciare al piccolo piacere che vi è familiare.

Non c'è bisogno di andare agli estremi e cercare la perfezione. Il perfezionismo è prospettiva bianca e nera e quindi infantile. Alcune parti di noi rimarranno sempre immature. Nessuno si aspetta che tu sia sempre perfettamente ragionevole, moderato e controllato; tutto dipende da quando si decide che è sufficiente e quali sono le conseguenze che volete. A volte un po' di immaturità e di esagerazione va bene, se ne sei consapevole, se non fai del male ad altre persone con un tale comportamento, e se riesci a tenerlo in riga invece di essere controllato da esso.

La decisione è sempre tua, così come le conseguenze (anche se alcune delle conseguenze potrebbero influenzare altre persone in primo luogo). Se ti piace davvero il dramma e il combattimento, continua pure. Sappiate, però, che questa è una vostra scelta e non date la colpa a chi sceglierà di non starvi vicino - o a chi contrattacca.

 

Articoli correlati:

Maturità emotiva

Test di maturità emozionale

 

Tutti gli articoli 

Coaching online 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2020
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano
en_USEnglish de_DEDeutsch es_ESEspañol fr_FRFrançais it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.