Più lavoriamo per notare i dettagli delle nostre comunicazioni con gli altri, più iniziamo a notare quanto di solito ci sfugge. Ci sono così tanti messaggi che la persona con cui parliamo manderà attraverso segnali non verbali molto piccoliIl tono della loro voce o la scelta delle loro parole.
Soprattutto quando le persone possono non scegliere di esprimersi direttamente, o non sono nemmeno consapevoli di ciò che comunicano, si può ottenere un grande miglioramento della relazione se notate e rispondete saggiamente a tali messaggi. Spesso non siamo veramente consapevoli di quanto grande miglioramento nelle relazioni possa essere ottenuto attraverso una maggiore consapevolezza. 

In molte situazioni non prestiamo abbastanza attenzione al significato di ciò che viene comunicato, così finiamo per non rispondere alla domanda giusta al momento giusto. Potremmo scoprire i pensieri di altre persone in ritardo o indirettamente. A volte le cose importanti possono essere spiegate e le discussioni evitate se potessimo riconoscere il problema, o tradurre correttamente ciò che l'altra persona sta dicendo, o trovare parole migliori per spiegare i nostri pensieri; ma come nel caso di molti altri aspetti veramente importanti della vita, raramente ci prendiamo del tempo per prestare attenzione ai dettagli.

Per esempio, avevamo un giovane muratore che lavorava per noi quando stavamo finendo la nostra casa. Un giorno che lui era nei paraggi, io e il mio compagno siamo andati in città a prendere delle provviste. Poco dopo essere tornati, il muratore è venuto e mi ha chiesto in tono sommesso se il mio compagno fosse arrabbiato. (Spoiler: non lo era.) Ho pensato che avesse detto "affamato" invece di "arrabbiato", così ho detto: "Non sono sicuro... ma I certamente lo sono!"

Potevo vedere i suoi occhi diventare grandi, così ho controllato rapidamente e abbiamo chiarito facilmente. Anni fa, probabilmente l'avrei liquidato come non importante o sarei stato troppo timido per chiedere. Immagino che molte discussioni inizino per un simile tipo di incomprensione, quando le persone non notano o non reagiscono alla comunicazione non verbale. Saggio anche il nostro costruttore a controllare se la sua presunzione era giusta!

 

Molte persone, quando non sono sicure di cosa dire, cercano di rispondere troppo velocemente. Rispondono con pensieri a metà, luoghi comuni, battute vuote, provocazioni, o semplicemente si ritirano per evitare il conflitto. È completamente diverso quando in queste situazioni ascoltiamo il nostro corpo e sentiamo i suoi messaggi. Ascoltando le sensazioni del corpo e traducendole in parole si possono riconoscere più facilmente i problemi e cercare reazioni sane. Questa abilità di consapevolezza interiore richiede pratica, dato che nel mezzo della comunicazione la nostra attenzione è per lo più esterna, il che rende più difficile riconoscere sottili segnali psicosomatici.

 


Cos'è la vera spontaneità?

Le persone spesso dicono che non ha senso controllarsi, perché vogliono rilassarsi ed essere spontanei. Il conflitto tra la spontaneità e lo sforzo di aumentare la qualità della comunicazione diventa più comune non appena investiamo tempo ed energia in questa direzione.

La mia esperienza mostra, e questo è facile da riconoscere nella maggior parte delle persone, che reazioni "spontanee" e automaticheQuelle risposte e quei comportamenti che emergono da noi prima che ci pensiamo, quasi prima che ce ne accorgiamo, sono il più delle volte acquisiti meccanismi di difesa, o modi di dire che abbiamo imparato dal nostro ambiente infantile - non reazioni vere e oneste che esprimono veramente chi e cosa siamo. In questi casi è importante imparare a non reagire automaticamente. Dobbiamo darci il tempo di sentire qual è la vera risposta che viene dai nostri sentimenti... sempre che abbiamo imparato ad essere sinceri con noi stessi. Questa può essere chiamata la vera spontaneità.

Molte persone lo sono, tuttavia, paura di prendersi il tempo e non rispondere immediatamente, come se avessero imparato ad aspettarsi che l'altra persona utilizzi questo tempo per "superarla" e "sconfiggerla" nella comunicazione. La realtà è proprio l'opposto: non solo, in molte situazioni, l'altra persona non ha bisogno di questo, ma dandoci del tempo le stiamo inviando un messaggio a diversi livelli - in primo luogo che ci preoccupiamo del risultato della nostra comunicazione e che vogliamo pensare attentamente a tutto ciò che è stato detto e a ciò che diremo, e in secondo luogo che siamo consapevoli, presenti e reagiamo con sentimenti onesti (il che significa automaticamente un atteggiamento di rispetto di sé). 
Inoltre, in molte situazioni in cui altre persone stanno comunicando in modo inappropriato, il tempo che impieghiamo per pensare alla risposta spesso le fa riflettere anche sul proprio comportamento.

 


Interpretare la comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale porta i messaggi più importanti: non solo i pensieri e i sentimenti coscienti, ma anche quelli inconsci e inespressi. Tuttavia, abbiamo bisogno di evitare la trappola del giudizio in bianco e nero e credere che un movimento o un gesto specifico significhi esattamente quello che pensiamo che significhi. Molti osservatori troppo zelanti della comunicazione non verbale potrebbero infastidirvi cercando di convincervi che state pensando quello che loro pensano stiate pensando... cercate di non diventare uno di loro. 

Ogni gesto e cambiamento nei volti delle persone deve essere osservato insieme a tutte le altre parti della comunicazione verbale e non verbaleinvece di essere "tradotto" separatamente. Diversi dettagli nell'ambiente potrebbero influenzare i sentimenti della persona con cui si parla, così come pensieri, associazioni e ricordi casuali. Se la persona è consapevole che stai osservando le sue non-verbali, potrebbe sentirsi e mostrare disagio al riguardo, se preoccupato di essere giudicato in modo errato. Come in molte altre aree della vita, vi suggerisco di permettere al vostro istinto e intuizione per creare un impressione di quello che sta succedendo, piuttosto che usare solo l'analisi razionale. 

Tendo a fare affidamento sulla mia mente più che sul mio corpo, così ho avuto una mini-rivelazione quando stavo leggendo un libro di Lois McMaster Bujold, una delle mie scrittrici di fiction preferite. In una scena, un ragazzo lancia qualcosa a una ragazza, urlando: "Guarda!" Più tardi, la ragazza gli chiede perché ha urlato "Guarda", piuttosto che "Prendi"? Il ragazzo risponde che è molto più facile prendere qualcosa se la segui con gli occhi e lasci che il tuo corpo faccia il resto, piuttosto che cercare di pensare a come prenderla. Possiamo usare un atteggiamento simile con la comunicazione non verbale. Sii presente nel momento, usa i tuoi occhi e le tue orecchie, e lascia che la tua mente subconscia faccia il resto. Messaggi importanti, ma nascosti, sono spesso comunicati attraverso "microsegnali"Piccoli dettagli che il nostro cervello cosciente non può notare, ma le nostre menti subliminali possono e lo fanno.

 


Comunicazione di qualità reale

Se cerchiamo di controllare la nostra comunicazione non verbale per inviare un messaggio diverso da quello che sentiamo realmentedi solito non ci riusciamo, tranne se siamo attori particolarmente bravi. La natura del linguaggio non verbale è inconscia e quindi onesta, quindi anche se riusciamo a controllare alcune parti del nostro corpo, le altre segnaleranno come ci sentiamo veramente. Un approccio migliore è quello di creare veramente i sentimenti che vogliamo comunicare - Non solo per i risultati esterni, ma per il nostro stesso miglioramento.

Ogni comunicazione con altre persone, tutto ciò che diciamo loro e il modo in cui lo diciamo, influenza il loro atteggiamento verso di noi insieme a tutte le ulteriori comunicazioni, cioè, quanto si fideranno di noi in un altro momento e saranno aperti verso di noi. È facile fuggire nei "regni spirituali" - eppure la comunicazione quotidiana è dove si trova la vera spiritualità: consapevolezza, onestà e auto-miglioramento.

Spesso diciamo qualcosa come 'Ho fatto tutto quello che potevo... non so più come parlare con quella persona! È proprio vero? C'era qualcosa in più che avremmo potuto dire o fare... forse anche molte cose... ma forse non avevamo la volontà, la pazienza o il coraggio di farlo? Spesso 'tutto quello che potevo fare' significa davvero 'tutto quello che potevo fare senza rischiare di essere feriti o minacciare il mio ego".

Allo stesso modo di come ci relazioniamo con noi stessi, quando ci relazioniamo con gli altri abbiamo bisogno di tempo e perseveranza per esercitare l'essere presente nel momento, profondo consapevolezza e sensibilità a tutto ciò che avviene in noi e nella comunicazione. Non è sempre facile imparare a comunicare i nostri pensieri in modo onesto e compassionevole. Tuttavia, una volta che abbiamo imparato questo, le nostre relazioni - la cosa più importante per la qualità della nostra vita - hanno la possibilità di fiorire.

 

Articoli correlati:

Intimità con i propri sentimenti

Stili di comunicazione: dirigere e informare

Sei troppo sensibile?

 

Tutti gli articoli 

Coaching online 

"Finché non rendi cosciente l'inconscio, esso dirigerà la tua vita e la chiamerai destino".

- C.G.Jung

Kosjenka Muk

Sono un formatore di Coaching Sistemico Integrativo e un insegnante di educazione speciale. Ho tenuto workshop e conferenze in 10 paesi e ho aiutato centinaia di persone in più di 20 paesi nei 5 continenti (on e offline) a trovare soluzioni per i loro modelli emotivi. Ho scritto il libro “La maturità emotiva nella vita di tutti i giorni” e una serie di libri di lavoro correlati.

Qualche persona mi chiede se faccio anche lavori sul corpo come il massaggio – purtroppo, l’unico tipo di massaggio che posso fare è strofinare il sale nelle ferite. 😉

Solo scherzando, in realtà sono molto gentile. La maggior parte delle volte.

nuovi posti

seguici su facebook

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l'identità perduta.

Coaching online per singoli e coppie

Il Coaching Sistemico Integrativo può aiutarvi in diversi ambiti della vita in cui vi sentite bloccati, provate emozioni spiacevoli e auto-sabotaggio.

contatto

info@mentor-coach.eu

+385 98 9205 935
kosjenka.muk
© 2022
Coaching sistemico integrativo
Sito web sviluppato Danijel Balaban - Web Development Agency & Design Company
it_ITItaliano

Appy per diventare un trainer

Diventa un Allenatore Sistemico Integrativo

La formazione di Coaching Sistemico Integrativo permette di aiutare gli altri a risolvere i loro modelli relazionali ed emotivi, liberando le credenze limitanti e integrando le qualità perdute e l’identità perduta.